Elogio della Zuppa . Agriturismo Le Fontanelle il 22 e 29 Febbraio p.v

elogiodellazuppa

elogiodellazuppa

Elogio della Zuppa . Agriturismo Le Fontanelle il 22 e 29 Febbraio p.v.
                                     L’    ELOGIO    DELLA   ZUPPA
La cucina popolare vive un momento di riscoperta;con essa i luoghi che la valorizzano, la tutelano e ne fanno un elemento distintivo.
Le ricette povere oggi stanno tornando a dire la loro, senza l’enfatizzazione che le rende frivole o finte, ci sono idee e persone che hanno nella propria vocazione di far star bene gli ospiti che varcano la soglia dei loro locali, abbinando il buon cibo a un’ospitalità genuina e familiare. Una cucina fin troppo accantonata negli anni ottanta e novantav,oggi si tende a rivitalizzarla, in un fase socio-economica frastornata,dove si ha bisogno di luoghi dove star bene,ritornare ai semplici e genuini prodotti di un tempo trascorso.
Le vecchie ricette riescono a far riscoprire colore, gusto, ricordi e bontà.
Se da un lato alcune verdure o erbe spontanee sono entrati nei menu’ di gran parte delle famiglie italiane, altre sono invece state quasi del tutto dimenticate.Nutrienti e gustose,spesse povere e rimediate, con quanto il bosco e l’orto potevano fornire, talvolta con l’aggiunta di un pezzo di carne, oltre agli avanzi di precedenti pasti. Minestra e zuppa sono forse il simbolo più eloquente della cucina povera o contadina.Per secoli sono stati i piatti più importanti per le classi meno abbienti, se non addirittura l’unico.
Le ricette più antiche e tradizionali sceglievano tra quelle di stagione: Cicoria,cardi, rape, erbe di campo raccolte in campagna e cotte con l’arte sapiente dei fuochi domestici.
Con questa premessa il prossimo 22 e 29 Febbraio,di sabato, proponiamo,dopo il successo dell’anno scorso: L’ Elogio della Zuppa.
Un evento concepito come tratto culturale e peculiare, nato dai saperi delle comunità, attraverso la rielabora zione di piatti della tradizione,anche in abbinamento ad altri sapori tipici e genuini. Frutto di una cultura “dell arrangiarsi” non riproducibile al giorno d’oggi. Vi aspettiamo