Aurora Ururi Calcio, la nuova stagione 2022-23 è partita con gli stage al “Fiorilli”

277670174_4991092780972399_5622588127795516041_n
277670174_4991092780972399_5622588127795516041_nStagione calcistica 2021-22 finita da pochi giorni, ma  l’Aurora Ururi è già nel prossimo anno; dopo aver definito l’accordo con mister Rocco Melchiorre, tornato sulla panchina giallorossa dopo un anno a Petacciato, e definiti gli ingaggi del centrocampista Francesco Pangia, un ritorno, e dell’esterno mancino Leo Parete, dai “cugini” neroverdi, la società ha organizzato una serie di stage per selezionare i baby da inserire nel prossimo scacchiere carrese. Nello scorso week-end al “Fiorilli” hanno sfilato i baby del 2005 e 2006 con mister Melchiorre a verificare personalmente il grado di preparazione dei tanti ragazzi che hanno trovato nel sintetico basso molisano gli sguardi degli addetti ai lavori. Tony Ruccolo, team manager dell’Aurora, il promotore e l’organizzatore degli stage si è detto entusiasta della prima uscita al “Fiorilli” : “Non sembrava una giornata di giugno, dove di solito tutti sono in vacanza o quantomeno non a calcare i campi di calcio – ha detto il dirigente ururese – oltre i ragazzi, la sorpresa più bella e rilevante è stata la presenza, con il neo allenatore, dei giocatori della prima squadra che hanno voluto tastare i tanti ragazzi che si sono ritrovati per strappare il rapporto con la nostra società, è stato bello riavere subito Silvestri fra i pali, poi i fratelli Lapenna, De Santis ed altri ragazzi che sono stati confermati da mister Melchiorre e che si sono allenati con i possibili baby su cui puntiamo; è tornato dall’esperienza di Vasto l’attaccante Carotenuto, fresco di apparizioni con la rappresentativa nazionale e poi tanti altri ragazzi arrivati dal circondario basso molisano”. Tony Ruccolo non fa nomi, ma mister Melchiorre ha rivisto all’opera Andrea Saetta,il funambolico classe 2006, scuola Ss Pietro e Paolo di Termoli, lo scorso anno alla Vastese, che oggi rappresenta il fiore all’occhiello dei ragazzi molisani. Saetta, su cui ci sono gli occhi e le intenzioni di diversi club di eccellenza, dovrà superare l’ostacolo Vastese, dove oltre alle ottime prestazioni ha messo in vetrina una verve realizzativa che lo rende ricercato sul mercato. Nella prossima settimana al “Fiorilli” altro stage di ragazzi che permetterà all’Ururi e non solo di visionare tanti talenti molisani.