Cln Cus Molise, Lucas pronto a confermarsi. “Voglio fare sempre meglio con questa maglia”

Lucas

LucasUna scommessa vinta. Al suo primo anno in Italia Lucas Henz Oechsler ha fatto cose straordinarie con la maglia del Circolo La Nebbia Cus Molise, diventando in poco tempo anche punto di riferimento della nazionale italiana under 19 di Massimiliano Bellarte. Per il classe 2003 miglior approdo nel Belpaese non poteva proprio esserci. E il giocatore, archiviata con il segno più l’ultima stagione è pronto a confermarsi e migliorarsi il prossimo anno. “Devo tantissimo a questa società – spiega – se sono arrivato in Italia e alla prima esperienza ho fatto delle buone cose, riuscendo anche a coronare il sogno di vestire la maglia della nazionale è anche merito di dirigenti, staff tecnico e compagni che mi hanno messo subito nelle condizioni di rendere al meglio facendomi sentire a casa fin dal primo giorno. Avvertire la fiducia da parte di tutto l’ambiente è qualcosa di straordinario. Ringrazio chi ha creduto in me, sono felice di quello che ho potuto fare nella prima stagione in Italia e spero di fare sempre meglio in futuro”.

Grazie alle performance con il Cln Cus Molise sei riuscito a vestire la maglia azzurra. E’ un sogno che si avvera.

“Per qualsiasi sportivo credo che vestire la maglia della nazionale sia un sogno. Io ho avuto la fortuna di realizzarlo molto presto e di questo sono estremamente felice. Sono consapevole del fatto che devo ancora crescere e lavorare, sono solo all’inizio, ma certe esperienze restano nel cuore per sempre”.

Per la prossima stagione quali sono le tue ambizioni in maglia rossoblù?

“Le ambizioni sono quelle di continuare a migliorarmi per essere utile alla causa e aiutare i miei compagni a raggiungere risultati sempre più importanti. Abbiamo fatto bene nell’ultima stagione e proveremo a ripeterci anche nel corso del prossimo campionato, consapevoli che non sarà facile ma possiamo toglierci sicuramente delle belle soddisfazioni”.

Ti aspettavi di essere così prolifico al tuo esordio in Italia?

“Sono venuto in Italia con l’obiettivo di crescere come giocatore e credo che il successo sia stato merito di tanto allenamento unito alla fiducia che la società e lo staff hanno riposto in me”.