Il Cln Cus Molise conferma Debetio. “Pronto ad una nuova sfida, proveremo ad essere protagonisti”

Debetio

DebetioDopo aver annunciato l’acquisto di Nathan il Circolo La Nebbia Cus Molise continua con le riconferme. Resterà in rossoblù per la prossima stagione anche Jonathan Debetio. E’ un sì importante quello del giocatore brasiliano che ha sempre garantito qualità e quantità alla manovra dei molisani diventando campobassano d’adozione. Un elemento di grande esperienza capace di recuperare palloni e impostare con grande facilità, divenuto uno dei perni dell’organico a disposizione di mister Sanginario, grazie alla continuità delle sue prestazioni. “Sono felice di proseguire la mia avventura a Campobasso con il Circolo La Nebbia Cus Molise – rimarca – abbiamo fatto qualcosa di bello e importante nelle ultime stagioni, l’ambizione è sempre quella di fare il massimo e insieme ai miei compagni aiutare la squadra a raggiungere risultati di spessore”.

Sei un giocatore di sostanza e qualità, punto fermo nello scacchiere di mister Sanginario. Dove potrà arrivare la squadra a tuo avviso nel prossimo torneo?

“Cerco di dare sempre il massimo, in allenamento e in partita. Penso che mantenendo la base della passata stagione, così come la società sta facendo, possiamo pensare di conquistare un posto in coppa Italia e lottare per qualcosa di importante anche in campionato”.

Sei ormai molisano d’adozione. Cosa si prova a indossare la casacca rossoblù?

“A Campobasso mi sono trovato bene fin dal primo giorno. Poi ovviamente con il passare del tempo, grazie alla società, al mister e ai compagni, ho avuto modo di apprezzare sempre di più questa realtà. Mi appresto ad iniziare la quarta stagione sotto i colori rossoblù e ne sono molto contento. Spero come sempre di essere utile alla causa”.

Nelle ultime stagioni siete stati protagonisti sia in campionato che in coppa Italia. Quale il segreto del successo?

“Abbiamo sempre lavorato molto durante la settimana preparando in maniera minuziosa tutte le partite grazie alle indicazioni e ai dettami tattici di mister Sanginario. Poi c’è un altro aspetto che non è assolutamente secondario: la forza del gruppo. Ci siamo sempre aiutati l’uno con l’altro, abbiamo costruito i nostri successi remando tutti dalla stessa parte. Così facendo possiamo toglierci ancora tante soddisfazioni”.